opzioni binarie |
futures greggio

Cammino in discesa per i futures del Greggio

I futures del Greggio hanno fatto registrare un rialzo, infatti all’interno del New York Mercantile Exchange sono stati scambiati a 54,28 dollari per barile, in rialzo dello 0,42%.
In un primo momento il valore di scambio è stato ancora più alto ed alla fine il Greggio ha trovato una quota di supporto a 52,77 dollari ed una quota di resistenza a 57,01 dollari.

Se diamo un’occhiata anche sull’ICE notiamo che il Petrolio Brent in consegna ad aprile è aumentato dello 0,47%

scambiando a 56,21 dollari al barile mentre lo spread dei contratti fra il Petrolio Brent e il Greggio si è fermato a 2,89 dollari al barile.
L’indice del Dollaro che mette in risalto l’andamento della moneta americana contro le altre monete rivali è sceso dello 0,03% scambiando a 101,28 dollari.

EUR/JPY

Sale la coppia EUR/JPY

Oggi il valore della nostra moneta unica è stato più alto rispetto al valore dello Yen giapponese con la coppia EUR/JPY che ha scambiato a 124,32 in rialzo dello 0,35%.
La coppia ha trovato una quota di supporto a 122,89, valore più basso da giovedì scorso e una quota di resistenza a 125,66 che invece risulta essere il valore più alto intraday.
Allo stesso momento il valore dell’Euro è stato più alto rispetto al Dollaro americano ed anche alla Sterlina inglese con la coppia EUR/USD che sale dello 0,04% toccando quota 1,0637 e

la coppia EUR/GBP che aumenta dello 0,22% toccando quota 0,8638.

Robot opzioni binarie

Robot Opzioni Binarie

Noi nella nostra piccola esperienza di trading appena abbiamo sentito parlare di binary speedbot o option navigator ci siamo subito chiesti cosa siano questi robot di opzioni binarie, come si utilizzano e più che altro se sono affidabili.

In questo articolo cercheremo di rispondere a tutte queste domande dato che questo sistema stà prendendo piede.

Questi robot non sono altro che dei programmi che studiano in maniera automatica i segnali di mercato utilizzandoli nel migliore dei modi.
Questo metodo di trading automatico ha rivoluzionato il mondo degli investimenti e sono un sistema del tutto nuovo anche nei broker di opzioni binarie.

Dopo una breve ricerca abbiamo scoperto che questo robot si chiama Binary SpeedBot ed è fornito dalla Financialsmartbot.com, società fornitrice di servizi di segnali automatici robot per opzioni binarie.

Il sito in questione propone il programma legato alla piattaforma OptionWeb ed è utilizzabile collegandolo direttamente al proprio conto di trading.

In poche parole non sarete voi a negoziare ma il robot farà tutto il lavoro per voi, sembra una pazzia ma è realmente così.

Per poterlo utilizzare basta iscriversi sulla piattaforma di trading OptionWeb attivando un conto gratuito di trading di opzioni binarie.
A questo punto il programma prende il controllo ed inizia ad analizzare il mercato prendendo in considerazione informazioni commerciali preimpostate dall’utente come “Qualità”, “Direzione” e “Scadenza”.

A questo punto il robot ha tutte le informazioni che gli servono ed è pronto ad operare.

Come dicevamo, l’iscrizione su OptionWeb è gratuita e darà la possibilità ad ogni trader di utilizzare il programma gratuitamente per un periodo di 90 giorni alla fine dei quali verrà richiesto un pagamento per continuare ad utilizzarlo.

Il primo pensiero che ci è venuto in mente è stato il fatto che potessimo essere impossibilitati ad utilizzare il pc per altre cose mentre utilizzavamo il robot ma non è così, il programma continuerà il suo lavoro senza creare nessun problema.

La maggior parte dei robot possono essere utilizzati su svariate piattaforme di trading mentre SpeedBot Binary può essere utilizzato soltanto su OptionWeb.

Secondo il nostro modesto parere, il sistema è utile per migliorare nettamente la qualità del trading ed è sicuramente un’opzione vincente ma non rientra nelle nostre aspettative.

La nostra avvertenza è che fra i vari fornitori di robot si nascondano dei truffatori, cosa che è diffusa in tutti i campi nel web.
La cosa importante è che prima di decidere quale robot utilizzare dovete impiegare del tempo per effettuare una ricerca adeguata per scoprire quale sia la scelta giusta per voi.

Il sistema è vincente, non ci sono dubbi ma bisogna capire bene quali sono i metodi onesti e quali no.

Il nostro consiglio finale è che sicuramente il sistema automatico è utile per effettuare manovre in assenza di esperienza ma operare in maniera manuale vi farà anche capire come funziona il tutto, è come se insegnamo ad un bambino a fare i conti con la calcolatrice sin da piccolo, se un giorno la calcolatrice si rompe?

Saprà fare i calcoli a penna o a mente?

Sicuramente no!

Quindi se volete usare il robot siete liberissimi di farlo ma cercate di operare anche in maniera manuale così capirete tutto il maccanismo delle opzioni binarie.

Wall Street

Partita la Earning season a Wall Street

Wall Street continua la sua lenta marcia al rialzo mentre gli investitori focalizzano la loro attenzione sui verbali della riunione politica monetaria che saranno pubblicati direttamente dal FOMC, il comitato di politica monetaria della Federal Reserve.

E’ partita ufficialmente la stagione delle trimestrali e come al solito verranno pubblicati i risultati del colosso dell’alluminio Alcoa.
Le previsioni per ora sembrano essere positive, il consensus stima infatti fa registrare una crescita del 6% degli utili per azione.

Per quanto riguarda gli indici statunitensi, il Dow Jones Industrial si assesta a 16.751 punti, resta sulla stessa linea anche l’indice S&P-500 a 1.945 punti.

Il Nasdaq 100 Index invece fa segnare un leggero positivo con un +0,34%, il Nasdaq Composite Index invece perde lo 0,05%.

La situazione delle piazze del vecchio continente invece non si trova in un momento positivo con il premio di migliore borsa in negativo data a Lisbona dopo che la Banca Centrale del Portogallo ha provveduto a tagliare le stime di crescita riguardanti l’economia.

Sul listino nordamericano troviamo S&P-500 con il comparto Utilities a +1,12% e sanitario a +0,77%.

I ribassi li troviamo invece nel settore energia con un -1,73%, telecomunicazioni -1,21% e materiali con un -0,76%.